Resto al Sud ha messo il turbo

Resto al Sud ha messo il turbo. L'agevolazione gestita da Invitalia desinata a professionisti e titolari di azienda under 56 del Centro-Sud ha finora finanziato 10.000 iniziative (di cui 440 solo a settembre 2021), erogato 515 mln di aiuti e favorito la creazione di 37.000 nuovi posti di lavoro.

I risultati confermano l'efficacia del mix agevolativo messo a disposizione delle imprese che vogliono avviare o rafforzare il proprio business: un contributo a fondo perduto e un prestito bancario a tasso zero, assistito dal Fondo di garanzia di MedioCredito centrale.

In corso di pandemia, è inoltre intervenuto il decreto Rilancio (n. 34/2020) che ha introdotto un ulteriore contributo a fondo perduto di 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali e fino a 40.000 euro per le società.

Secondo i dati forniti da Invitalia sul proprio sito, c'è ancora spazio per approvare nuovi progetti da finanziare con una copertura pari al 100% dei costi di avvio delle nuove iniziative promosse dagli under 56 residenti nel Mezzogiorno (nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia) e nelle aree del cratere sismico 2016 del Centro Italia (nei comuni di Lazio, Marche e Umbria), a cui stanno per aggiungersi le isole minori del Centro-Nord (vedi decreto legge «Infrastrutture»).

Non ci sono limiti di età per i residenti nei 24 comuni delle aree del cratere sismico del Centro Italia nei quali più del 50% degli edifici è stato dichiarato inagibile.

Neo imprese. Resto al Sud finanzia la costituzione di nuove imprese (da formalizzare entro 60 giorni dall'esito positivo dell'istruttoria, 120 per chi trasferisce la residenza dall'estero) ma anche imprese già esistenti, purché costituite dopo il 21 giugno 2017.

Possono chiedere i finanziamenti anche i liberi professionisti (in forma individuale o societaria) che nei 12 mesi precedenti la domanda non risultano titolari di partita Iva per lo svolgimento di un'attività analoga a quella proposta.

I richiedenti non devono risultare già titolari di altre attività d'impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017, non devono aver ricevuto altre agevolazioni nazionali per l'auto-imprenditorialità nell'ultimo triennio, non hanno e si impegnano a non avere un lavoro a tempo determinato per tutta la durata del finanziamento.

Settori di attività. Oltre alle attività libero professionali, sono finanziabili le attività produttive (settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura), quelle che forniscono servizi alle imprese e alle persone e quelle che operano nel campo del turismo. Sono escluse le attività agricole e il commercio.

Spese ammesse ed escluse. Con il contributo di Resto al Sud si possono finanziare spese di ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili per un massimo del 30% del programma di spesa; l'acquisto di macchinari, impianti o attrezzature nuovi; programmi informatici e servizi per le tecnologie, l'informazione e la telecomunicazione; spese di gestione fino al 20% del programma di spesa (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione e di leasing, garanzie assicurative).

Non sono ammissibili le spese di progettazione e promozionali, per le consulenze e per il personale dipendente.

Finanziamenti. Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili: 50% mediante un contributo a fondo perduto e il restane 50% mediante un finanziamento bancario garantito dal Fondo centrale di garanzia, i cui interessi sono interamente a carico di Invitalia.

Per le imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è pari a 60.000 euro.

Per quanto riguarda le società, l'importo massimo finanziabile è pari a 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare a 200.000 euro per le società composte da 4 soci. A breve sarà inoltre operativo un contributo a fondo perduto di 15.000 euro per ditte individuali e attività professionali e fino a 40.000 euro per le società (decreto Rilancio).

Fonte: ItaliaOggi - Diritto e Fisco del 14 ottobre 2021

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati