COVID19: revocato il Bando Isi Inail

Il Decreto Rilancio contiene importanti novità per tutte le aziende che puntavano sugli incentivi del bando ISI Inail per realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Le risorse inizialmente destinate al bando ISI Inail, infatti, andranno a finanziare misure di sostegno alle imprese per la riduzione del rischio da contagio Covid-19 nei luoghi di lavoro.

In sostanza, si tratta di un vero e proprio annullamento e revoca del bando ISI, che subisce, quindi, una cancellazione definitiva per il 2020 e il 2021.

Il riferimento è l'art. 95 rubricato "Misure di sostegno alle imprese per la riduzione del rischio da contagio nei luoghi di lavoro". Secondo la norma, al fine di contenere e contrastare la diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, l'Inail promuove interventi straordinari destinati alle imprese che hanno introdotto nei luoghi di lavoro, successivamente alla data di entrata in vigore del d.l. Cura Italia (convertito, con modificazioni, dalla l. 24 aprile 2020, n. 27), interventi per la riduzione del rischio di contagio attraverso l’acquisto di: 

  • apparecchiature e attrezzature per l’isolamento o il distanziamento dei lavoratori, compresi i relativi costi di installazione;
  • dispositivi elettronici e sensoristica per il distanziamento dei lavoratori;
  • apparecchiature per l’isolamento o il distanziamento dei lavoratori rispetto agli utenti esterni e rispetto agli addetti di aziende terze fornitrici di beni e servizi;
  • dispositivi per la sanificazione dei luoghi di lavoro; sistemi e strumentazione per il controllo degli accessi nei luoghi di lavoro utili a rilevare gli indicatori di un possibile stato di contagio;
  • dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale.

Al finanziamento di tali iniziative sono destinate proprio le risorse del bando ISI 2019 e lo stanziamento 2020 per un importo complessivo pari a 403.000.000 euro, fatti salvi gli interventi di cui all’articolo 1, commi 862 e seguenti, della legge 28 dicembre 2015 n. 208. 

L’importo massimo concedibile è pari a 15.000 euro per le imprese fino a 9 dipendenti, 50.000 euro per le imprese da 10 a 50 dipendenti, 100.000 euro per le imprese con più di 50 dipendenti.

Gli interventi  sono incompatibili con gli altri benefici, anche di natura fiscale, aventi ad oggetto i medesimi costi ammissibili.


Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2020 - Tutti i diritti riservati