Bando qualità, controllo e tracciabilità prodotti ittici

La Regione Veneto a sostiene investimenti volti a migliorare le infrastrutture preesistenti dei porti di pesca, delle sale per la vendita all’asta, dei siti di sbarco e dei ripari di pesca, inclusi gli investimenti destinati a strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini con l’obiettivo di migliorare la qualità, il controllo e la tracciabilità dei prodotti sbarcati, accrescere l’efficienza energetica, contribuire alla protezione dell’ambiente e migliorare la sicurezza e le condizioni di lavoro. 

Beneficiari delle agevolazioni sono:

  • imprese operanti nel settore della pesca e dell'acquacoltura;
  • imprese di servizi per il settore pesca e acquacoltura;
  • enti pubblici;
  • autorità portuali;
  • altri organismi designati a tale scopo.

La misura si applica all’intero territorio regionale.

Il bando prevede l’erogazione di contributi per migliorare la qualità, il controllo e la tracciabilità dei prodotti sbarcati, accrescere l’efficienza energetica, contribuire alla protezione dell’ambiente, migliorare la sicurezza e le condizioni di lavoro e facilitare l’osservanza dell’obbligo di sbarcare tutte le catture.

Sono ritenuti ammissibili i seguenti interventi volti a:

  • migliorare le infrastrutture dei porti di pesca, delle sale per la vendita all’asta, dei siti di sbarco e dei ripari di pesca;
  • investimenti destinati a strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini;
  • investimenti nei porti, nelle sale per la vendita all’asta, nei luoghi di sbarco e nei ripari di pesca;
  • investimenti finalizzati alla costruzione o all’ammodernamento di piccoli ripari di pesca.

Le principali categorie di spese ammissibili riguardano:

  • costi sostenuti per l'attuazione dell'operazione (ad esempio, costi connessi con il luogo in cui avviene l'azione, noleggi, spese di coordinamento);
  • costi di investimento chiaramente connessi all'attività di progetto (ad esempio, acquisto di macchinari e attrezzature).

Segue una lista indicativa delle spese ammissibili:

  • interventi di riqualificazione fisica dei porti pescherecci (rifacimento pavimentazioni, impianti di illuminazione, arredo urbano, realizzazione sotto-servizi, impiantistica);
  • acquisto di macchinari e attrezzature;
  • impianti di rifornimento alimentati da biocarburante, ghiaccio, approvvigionamento d’acqua, ecc.;
  • ristrutturazione di banchine o di approdi già esistenti;
  • opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti il progetto;
  • costruzione, ammodernamento ed ampliamento di banchine;
  • recupero o nuova realizzazione di piccoli ripari di pesca;
  • riqualificazione di sale per la vendita all’asta anche attraverso infrastrutturazioni immateriali (sistemi informativi di gestione della sala);
  • realizzazione di impianti per lo stoccaggio ed il recupero dei rifiuti marini;
  • investimenti in macchinari ed attrezzature strettamente connessi alla funzionalità dei porti di pesca (travel lift, gru per alaggio);
  • realizzazione o recupero scali di alaggio;
  • acquisto di attrezzature e macchinari funzionali alla cantieristica per imbarcazioni da pesca;
  • realizzazione o potenziamento impianti di produzione ghiaccio e di erogazione acque in area portuale da destinare esclusivamente ad operatori nel comparto della pesca;
  • realizzazione di nuovi edifici connessa all’ampliamento delle attività imprenditoriali nel settore della pesca in area portuale la cui spesa massima ammissibile non può essere superiore il 30% dell’investimento complessivo al netto delle spese generali, al netto delle spese dello stesso e dell’impiantistica;
  • riqualificazione di immobili esistenti per l’ampliamento delle attività imprenditoriali nel settore della pesca in area portuale: per tali iniziative la spesa massima ammissibile non potrà essere superiore al 30% dell’investimento complessivo al netto delle spese generali e al netto delle spese dello stesso e dell’impiantistica;
  • acquisto di terreni non edificati e di terreni edificati nei limiti del 10% della spesa totale ammissibile dell'operazione considerata;
  • attrezzature per l’attività: ammortamenti, noleggi e leasing;
  • attrezzature per diminuire la movimentazione manuale di carichi pesanti, escluse le macchine direttamente connesse alle operazioni di pesca;
  • dispositivi di protezione acustica e termica e apparecchi di ausilio alla ventilazione;
  • segnali di emergenza e di allarme di sicurezza;
  • analisi e valutazione dei rischi per individuare i rischi che incombono sui pescatori in porto, al fine di adottare misure atte a prevenirli o attenuarli;
  • spese materiali per indagini/analisi preliminari (ad esempio analisi chimico-fisiche, verifiche strutturali, rilievi geologici, ecc.);
  • guide e manuali per migliorare le condizioni di lavoro;
  • generatori a efficienza energetica;
  • spese generali (costi generali e costi amministrativi): spese per la tenuta del C/C appositamente aperto e dedicato all’operazione, se previsto da prescrizioni dell’Autorità di gestione; nel caso di sovvenzioni globali, gli interessi debitori pagati dall'intermediario designato, prima del pagamento del saldo finale del programma operativo, previa detrazione degli interessi creditori percepiti sugli acconti; spese per consulenza tecnica e finanziaria, spese per consulenze legali, parcelle notarili e spese relative a perizie tecniche o finanziarie, nonché spese per contabilità o audit, se direttamente connesse all’operazione cofinanziata e necessarie per la sua preparazione o realizzazione; spese per garanzie fideiussorie, se tali garanzie sono previste dalle normative vigenti o da prescrizioni dell'Autorità di gestione.

Il periodo di ammissibilità delle spese decorre dal 1° gennaio 2021.

È fissato in 800.000 euro il limite massimo della spesa ammissibile. Non saranno ammissibili domande con importi inferiori a 80.000 euro.

La Misura prevede un’intensità massima dell’aiuto pubblico pari al 50% delle spese ammesse.

Le risorse finanziarie sono pari 996.158 euro.

La domanda di contributo deve essere presentata entro le ore 23:59 dell'11 gennaio 2022.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati