Aiuti start up innovative nei settori smart

Il GAL Colli Esini San Vicino persegue l’obiettivo di ricercare uno sviluppo di sistema del territorio sostenendo un'azione di potenziamento, con modalità innovative, sostenibili, smart del sistema produttivo locale attraverso lo sviluppo di nuove economie basate sulla contaminazione tra cultura e manifattura, sulla creatività, sull'innovazione sociale, sulla valorizzazione in chiave innovativa delle produzioni caratterizzanti il territorio grazie alla creazione di nuove imprese che possano divenire esempi trasferibili per una riconversione in chiave sostenibile e competitiva del sistema manifatturiero e produttivo in genere.

L’ambito territoriale interessato dall’applicazione del bando è rappresentato dal territorio dei Comuni di Apiro, Arcevia, Barbara, Belvedere Ostrense, Castelbellino, Castelleone di Suasa, Castelplanio, Cerreto d'Esi, Cingoli, Cupramontana, Fabriano, Filottrano, Genga, Maiolati Spontini, Matelica, Mergo, Monte Roberto, Montecarotto, Morro, D’Alba, Ostra, Ostra Vetere, Poggio San Marcello, Poggio San Vicino, Rosora, San Marcello, San Paolo di Jesi, Santa Maria Nuova, Sassoferrato, Serra de' Conti, Serra San Quirico, Staffolo. 

La domanda di sostegno può essere presentata soltanto:

  • dal legale rappresentante delle micro e piccole imprese innovative, escluse le imprese agricole;
  • persona fisica (singole o associate). 

Le imprese già costituite al momento della presentazione della domanda di sostegno: 

  • non devono risultare costituita da più di 24 MESI al momento della presentazione della domanda di sostegno;
  • devono operare nei settori "smart" così individuati:
    • settore agrifood: attivazione servizi innovativi all'agrifood (packaging, presentazione prodotto, food design, valorizzazione, servizi culturali), recupero scarti alimentari con modalità innovative e con soluzioni di riciclo (economia circolare), servizi aerei per l'agricoltura di precisione con uso di droni e sistemi di rilevamento fotografico;
    • settore sharing economy-sociale: servizi alla popolazione, attività di recupero e riuso beni di consumo, servizi didattici, educativi, assistenziali e socio-sanitari nelle aziende agricole;
    • settore impresa creativa: servizi turistici culturali, valorizzazione beni culturali e ambientali, energia, elettronica, ICT, e-commerce, impresa culturale, tecnologie avanzate, biotecnologie, artigianato tradizionale e innovativo, artigianato digitale;
  • devono possedere almeno un codice ATECO ricompreso tra quelli dell’allegato 1 (sez. ATECO C, E, F, H, I, J, M, N, Q, R, S) sin dal momento della costituzione e non devono avere, comunque, alcun codice ATECO agricolo;
  • devono avere disponibilità del fabbricato o dei fabbricati sui quali si intende realizzare l’investimento a decorrere dalla data di presentazione della domanda di sostegno e fino al completo adempimento degli impegni assunti con l’adesione alla sottomisura (vincolo di inalienabilità di cinque anni e di destinazione d’uso di dieci anni a decorrere dalla data di autorizzazione al pagamento del saldo finale).

L'impresa che si costituirà dopo la presentazione della domanda di sostegno:

  • dovrà essere ubicata sul territorio dei Comuni del GAL, con almeno una propria unità produttiva; 
  • dovrà operare nei settori smart di cui sopra; 
  • dovrà iscriversi alla Camera di Commercio con un codice ATECO ricompreso tra quelli dell’allegato 1 e non dovrà avere, comunque, alcun codice ATECO agricolo. 

Il bando prevede la concessione di un aiuto forfettario in conto capitale da 20.000 a 30.000 euro all’avviamento di nuove imprese innovative di tipo extra agricolo nelle aree rurali.

L'istanza dovrà essere presentata attraverso il SIAR all’indirizzo: http://siar.regione.marche.it, entro le 13.00 del 18 novembre 2021.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati