DL Sostegni: nuovo contributo a fondo perduto

Le nuove misure a sostegno delle imprese e degli operatori economici varate dal Governo e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale come Decreto Legge 22 marzo 2021 n. 41, più comunemente noto come "Decreto Sostegni", comprendono un nuovo aiuto ai soggetti colpiti dall'emergenza Covid-19, nella forma del contributo a fondo perduto.

Le istanze dovranno essere presentate a partire dal 30 marzo 2021 e fino al 28 maggio 2021 mediante i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate.

Rispetto ai contributi introdotti dai precedenti decreti "Ristori", il nuovo sostegno previsto all'art. 1 supera il meccanismo dei codici ATECO rivolgendosi di fatto a tutti i titolari di partita IVA che svolgono attività d’impresa, arte o professione o producono reddito agrario, a condizione che abbiano subìto un calo di fatturato e dei corrispettivi nell'anno 2020 di almeno il 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.

Inoltre, il contributo spetta esclusivamente ai soggetti con ricavi o compensi non superiori a 10.000.000 euro nel secondo periodo d’imposta antecedente a quello di entrata in vigore del decreto (23 marzo 2021).

A cambiare è anche il calcolo del contributo, il cui importo resta sempre collegato alla riduzione del fatturato ma è determinato considerando cinque diversi scaglioni in base al volume di ricavi e compensi, come di seguito meglio specificato:

  • 60% per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100.000 euro;
  • 50% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro;
  • 40% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400.000 euro e fino a 1.000.000 euro;
  • 30% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1.000.000 euro e fino a 5.000.000 euro;
  • 20% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 5.000.000 euro e fino a 10.000.000 euro.

Per effettuare il calcolo si prende in considerazione l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi 2020-2019.

In ogni caso il contributo non può superare i 150.000 euro e l'importo minimo è determinato in 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 per le persone giuridiche.

Ai soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2019 il contributo spetta anche in assenza dei requisiti di fatturato e ai fini del calcolo rilevano i mesi successivi a quello di attivazione della partita IVA.

Un'altra novità riguarda la possibilità del contribuente di scegliere come utilizzare le somme spettanti: se beneficiarne tramite erogazione diretta oppure sotto forma di credito d'imposta da utilizzare in compensazione con modello F24.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati