Aiuti settori commercio, turismo, artigianato e servizi

La Regione Lombardia e il Comune di Casalbuttano ed Uniti - in qualità di soggetto capofila del Distretto Diffuso del Commercio “Tra Ville e Cascine” - intende consolidare e rafforzare lo sviluppo economico delle imprese del comparto commercio, turismo, artigiano e servizi che insistono sul territorio e che, in modo complementare, contribuiscono all’ampliamento dell’offerta dei servizi disponibili e al miglioramento complessivo delle condizioni socio-economiche della popolazione, in considerazione anche della ripresa dall’emergenza sanitaria Covid-19.

Beneficiarie dei contributi sono micro, piccole e medie imprese che dispongano di una unità locale collocata all’interno dell’ambito territoriale del Distretto del Commercio (Comuni di Casalbuttano ed Uniti, Bordolano, Castelverde, Corte de Cortesi con Cignone, Persico Dosimo, Pozzaglio ed Uniti, Robecco d’Oglio, Corte de Frati, Grontardo, Olmeneta) che soddisfi almeno una delle seguenti condizioni:

  • svolgere attività di ristorazione, somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrina su strada o situata al piano terreno degli edifici;
  • fornire servizi tecnologici innovativi di logistica, trasporto e consegna a domicilio alle imprese del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato che coprano in tutto o in parte il territorio del Distretto del Commercio;
  • rientrare nei codici ateco 2007 G, I, J, L, M, N, S.

Sono ammissibili aspiranti imprenditori che avviino nuove attività del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato all’interno di spazi sfitti o in disuso, oppure sfruttare le possibilità di utilizzo temporaneo, oppure effettuare un subentro di un nuovo titolare presso una attività esistente, incluso il passaggio generazionale tra imprenditori della stessa famiglia. 

Sono ammissibili i seguenti interventi:

  • avvio di nuove attività del commercio, della ristorazione, del terziario e dell'artigianato all'interno di spazi sfitti o in disuso, anche sfruttando le possibilità di utilizzo temporaneo oppure subentro di un nuovo titolare presso una attività esistente, incluso il passaggio generazionale tra imprenditori della stessa famiglia;
  • rilancio di attività già esistenti del commercio, della ristorazione, del terziario e dell'artigianato;
  • adeguamento strutturale, organizzativo e operativo dell'attività alle nuove esigenze di sicurezza e protezione della collettività e dei singoli consumatori (protezione dei lavoratori, mantenimento delle distanze di sicurezza, pulizia e sanificazione, differenziazione degli orari, ecc.);
  • organizzazione di servizi di logistica, trasporto e consegna a domicilio e di vendita online, come parte accessoria di un'altra attività o come attività autonoma di servizio alle imprese, con preferenza per l'utilizzo di sistemi e mezzi a basso impatto ambientale;
  • accesso, collegamento e integrazione dell'impresa con infrastrutture e servizi comuni offerti dal distretto o compartecipazione alla realizzazione di tali infrastrutture e servizi comuni.

L’aiuto non può essere superiore al 50% della spesa ammissibile totale (in conto capitale e di parte corrente) e, in ogni caso, non superiore all’importo delle spese in conto capitale. 

L’importo il massimo del contributo è pari a 2.500 euro, indipendentemente dal valore complessivo dell’investimento. 

Le domande dovranno essere presentate a partire dalle 12.00 del 1° ottobre 2020 ed entro e non oltre le 12.00 del 15 ottobre 2020, a mezzo PEC al seguente indirizzo: egov.casalbuttano@cert.poliscomuneamico.net.


Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2020 - Tutti i diritti riservati