COVID19: Reddito di Emergenza

L’INPS comunica è attivo il servizio per la presentazione delle domande di Reddito di Emergenza, misura straordinaria di sostegno al reddito istituita dall’articolo 82 del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020, noto come “Decreto Rilancio”, introdotta per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il Decreto Rilancio prevede che il Reddito di Emergenza sia riconosciuto ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della domanda, dei seguenti requisiti:

  • residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio;
  • un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore ad una soglia pari all’ammontare del REM;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di 10.000 euro, accresciuta di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro. Il predetto massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE);
  • un valore dell’ISEE inferiore a 15.000 euro.

Il Rem non è compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità previste dal Decreto Cura Italia, convertito nella legge 24 aprile 2020, n. 27.

Il Rem non è altresì compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che siano al momento della domanda in una delle seguenti condizioni:

  • essere titolari di pensione diretta o indiretta ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità;
  • essere titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore agli importi del Reddito di Emergenza;
  • essere percettori di reddito di cittadinanza, ovvero di misure aventi finalità analoghe.

Il beneficio è erogato in due quote. Ciascuna quota del Rem è determinata in un ammontare pari a 400 euro moltiplicati per il corrispondente parametro della scala di equivalenza, fino ad un contributo massimo erogabile di 800 euro

A breve sarà disponibile una circolare esplicativa dell’INPS, con le indicazioni di dettaglio relative alla disciplina della misura.

Il Decreto Rilancio prevede che la domanda di sostegno sia presentata entro il termine del mese di giugno 2020, tramite il servizio attivo sul sito internet dell’INPS: dopo aver effettuato l’autenticazione al servizio, sono consultabili i manuali che forniscono le indicazioni per la corretta compilazione della richiesta.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2020 - Tutti i diritti riservati