Aiuti di Stato: nuovo Temporary Crisis Framework

In seguito crisi scaturita dall'invasione russa dell'Ucraina, la Commissione Europea il 23 marzo 2022 ha adottato il Temporary Crisis Framework a sostegno dell’economia.

Il Temporary Crisis Framework prevede tre tipi di aiuti:

  • Aiuti di importo limitato concedibili in qualsiasi forma, comprese le sovvenzioni dirette: fino a 35.000 euro per i settori dell'agricoltura, della pesca e dell'acquacoltura e fino a 400.000 euro per tutti gli altri settori. Questi aiuti non devono necessariamente essere collegati a un aumento dei prezzi dell'energia, poiché la crisi e le misure restrittive nei confronti della Russia influiscono sull'economia in molteplici modi, comprese le interruzioni fisiche della catena di approvvigionamento.
  • Sostegno alla liquidità sotto forma di garanzie statali e finanziamenti agevolati: per entrambe le tipologie di sostegno sono previsti limiti all'importo massimo del prestito, in base alle esigenze operative dell'impresa, al suo fatturato, ai costi energetici o a specifiche esigenze di liquidità. I prestiti possono riguardare sia le esigenze di investimento che di capitale circolante.
  • Aiuti (in qualsiasi forma, comprese le sovvenzioni dirette) per compensare i prezzi elevati dell'energia a sostegno delle imprese a forte consumo di energia: le agevolazioni non potranno superare il 30% dei costi ammissibili, fino a un massimo di 2 milioni di euro in determinati periodi. In caso di perdite d’esercizio, per garantire la continuità aziendale, tali limiti potranno essere derogati fino a 25 milioni di euro per le imprese a forte consumo di energia e fino a 50 milioni di euro per le aziende attive in settori specifici, come produzione di alluminio e altri metalli, fibre di vetro, fertilizzanti o idrogeno e molti altri prodotti chimici di base.

Il Temporary Crisis Framework prevede inoltre una serie di tutele:

  • Metodologia proporzionale: dovrebbe esserci un nesso tra l'importo degli aiuti concessi alle imprese, l'entità della loro attività economica e l'esposizione agli effetti economici della crisi, tenendo conto del fatturato e dei costi energetici.
  • Condizioni di ammissibilità: la definizione di utenti a forte consumo di energia riferita alle imprese per cui il costo dell’energia ha un’incidenza superiore al 3% del valore della produzione.
  • Requisiti di sostenibilità: per aiutare le imprese ad affrontare l'attuale crisi, ponendo al tempo stesso le basi per una ripresa sostenibile, per la concessione di aiuti relativi all’aumento dei costi del gas e dell’energia gli Stati membri dovrebbero prendere in considerazione requisiti relativi alla protezione dell’ambiente o alla sicurezza dell’approvvigionamento.

Il Temporary Crisis Framework sarà in vigore fino al 31 dicembre 2022, salvo proroghe.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2022 - Tutti i diritti riservati