Ristori a imprese danneggiate dal Covid

La Regione Calabria con il bando Ristora Calabria bis intende sostenere le microimprese e le PMI operanti sul territorio regionale che hanno subito gli effetti dell’emergenza COVID19.

A beneficiare del sostegno saranno le micro, piccole e medie imprese di seguito elencate:

  • con sede operativa nella Regione Calabria e con codice ATECO 93.29.10 (discoteche), o codice ATECO 59.14.00 (cinema) o codice ATECO 90.04.00 (gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche), codice ATECO 90.01.01 (attività nel campo della recitazione), codice ATECO 90.02.09 (Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche) riferito all’attività prevalente;
  • attività economiche ubicate negli edifici e a servizio delle scuole secondarie di secondo grado della Regione Calabria, in possesso di adeguato titolo giuridico comprovante l’esercizio dell’attività all’interno degli edifici scolastici (scuole secondarie di secondo grado) per l’esercizio 2019 e 2020;
  • attività economiche ubicate e operanti nell’ambito delle stazioni aeroportuali calabresi, in possesso di adeguato titolo giuridico comprovante l’esercizio dell’attività all’interno delle stesse stazioni aeroportuali calabresi per l’esercizio 2019 e 2020.

Tali soggetti non devono aver già beneficiato del bando RISTORA CALABRIA.

Possono inoltre beneficiare del contributo:

  • attività economiche con sede operativa nella Regione Calabria e con codice ATECO ricompreso nell’Allegato B riferito all’attività prevalente;
  • associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e Società Sportive Dilettantistiche (SSD), con sede operativa nella Regione Calabria, affiliate alla Federazione italiana Nuoto e/o alla Federazione italiana Nuoto Paralimpico, da almeno 3 anni in Calabria e che svolgono attività agonistica nelle diverse discipline acquatiche;
  • sede operativa nella Regione Calabria e con codice ATECO 58.11.00 Edizione di libri.

Gli aiuti sono concessi nella forma di contributo a fondo perduto una tantum con importo differente in base al soggetto beneficiario, da un minimo di 5.000 euro e fino a 40.000 euro. In ogni caso l’aiuto concedibile non deve eccedere il fabbisogno di liquidità determinatosi per effetto dell’emergenza Covid-19 pari ad un calo del fatturato medio mensile per l’anno 2020 che sia uguale o superiore al 33% del fatturato medio mensile dell’esercizio 2019.

Lo sportello per l'inserimento delle domande aprirà il giorno 14 giugno 2021 alle ore 10:00 e chiuderà il 17 giugno 2021 alle ore 18:00 tramite piattaforma informatica.


Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati