Covid19: in arrivo sostegno a pesca e acquacoltura

La Regione Sardegna ha istituito un aiuto, concesso in regime de minimis, alle imprese della pesca e dell'acquacoltura per far fronte alla crisi conseguente all'emergenza Covid-19.

Possono accedere all’aiuto le imprese attive dei settori della pesca e dell’acquacoltura (imprese di produzione primaria) che hanno sede operativa nella Regione Sardegna e che nel corso dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19 erano attive e hanno subito una perdita di fatturato rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019.

Il beneficiario del sostegno ha l’obbligo di rispettare le norme della politica comune della pesca.

La misura si applica all’intero territorio regionale.

L’aiuto è concesso in forma di sovvenzione alle imprese della pesca e dell’acquacoltura nella misura del 70% dei 3/12 del fatturato relativo all’anno 2019 e fino ad un massimo di 30.000 euro.

Per i soggetti che hanno iniziato l'attività dopo il 31 dicembre 2019, ma non oltre il 30 aprile 2020, è concesso un aiuto una tantum pari a 1.000 euro.

L’importo totale è di euro 6.000.000.

Le domande devono essere presentate, esclusivamente per via telematica, utilizzando l’apposito sistema informatico della Regione Autonoma della Sardegna SIPES entro il 31 dicembre 2020.

Nell'apposito avviso pubblico verrano indicate le modalità di gestione dell'intervento e di richiesta del sostegno.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2020 - Tutti i diritti riservati