Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Super garanzie per i mini bond

Tutto pronto per la concessione delle «nuove» garanzie (più elevate rispetto al passato) che il Fondo pmi potrà rilasciare a soggetti abilitati (banche, società finanziarie, ecc.) che sottoscriveranno le obbligazioni emesse da pmi e Mid cap (c.d. minibond). Come si legge nella circolare n. 5/2023 del Mediocredito centrale, soggetto gestore del Fondo, le nuove disposizioni che regolano le operazioni di garanzia e controgaranzia a fronte dei finanziamenti sotto forma di obbligazioni concessi alle imprese saranno in vigore dal prossimo 6 aprile 2023, come previsto dal decreto interministeriale 19 maggio 2022 attuativo dell'art. 15 del decreto Sostegni bis (n. 73/2021).

Tale norma ha infatti istituito nell'ambito del Fondo di garanzia una Sezione speciale, con una dotazione di 200 milioni di euro, dedicata alle concessioni di garanzie su portafogli di titoli obbligazionari emessi da imprese e detenuti dalle banche o società finanziarie abilitate, regolate dalle nuove modalità operative.

Diventano ammissibili, oltre alle pmi, anche le c.d. Mid cap (imprese diverse dalle pmi, con meno di 499 dipendenti), ovvero un segmento di imprese particolarmente interessato all'emissione di minibond. Cresce, inoltre, la percentuale della garanzia: fermo restando che la copertura è in funzione della rischiosità del portafoglio misurata attraverso la probabilità media di default, per portafogli di obbligazioni detenuto dagli operatori finanziari abilitati che presentano una rischiosità più elevata, la garanzia può arrivare al 25% dell'importo complessivo del portafoglio (contro l'8% delle vecchie modalità operative). Importo che, a sua volta, deve essere compreso tra 40 e 300 milioni. Inoltre, i singoli bond devono avere un ammontare compreso tra i 2 e gli 8 milioni di euro (e durata massima di 10 anni), comunque non superiore al 5% dell'importo complessivo del portafoglio (contro il 3% delle vecchie modalità operative).

La controgaranzia è concessa, su richiesta di un soggetto garante, che rilascia la sua garanzia a uno o più soggetti finanziatori, con i quali il medesimo soggetto garante collabora per la strutturazione e gestione del portafoglio di obbligazioni.

Il costo della garanzia «una tantum» è pari all'1,5% dell'importo garantito dal Fondo con riferimento al portafoglio di obbligazioni.

Il ricorso ai mini-bond. Come risulta dal nono report dell'Osservatorio minibond del Politecnico di Milano il 2022 è stato un anno da record per questo strumento di debito: 190 imprese italiane non finanziarie hanno raccolto per la prima volta capitali attraverso i minibond e la partecipazione del Mediocredito centrale a numerosi programmi di basket bond ha consentito a 143 imprese, principalmente pmi, di emettere obbligazioni per 534,4 milioni di euro. Nel 2022 sono stati raccolti sul mercato dei capitali 1,65 miliardi di euro attraverso 268 emissioni (l'anno prima erano state 221), un quarto delle quali di importo inferiore a 2 milioni di euro, di cui 988 milioni relativi alle sole pmi. Salgono così a 1.016 le società (di cui 663 pmi pari al 65,3%) che hanno utilizzato questo strumento e a 1.461 le emissioni dal 2013 al dicembre 2022, per un valore nominale complessivo di 8,61 miliardi di euro (3,56 miliardi dalle sole pmi).

Fonte: Italia Oggi, Diritto e fisco del 24 marzo 2023

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2024 - Tutti i diritti riservati