Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Sostegno a investimenti nelle aziende agricole

La Provincia autonoma di Trento ha  approvato il bando «Sostegno a investimenti nelle aziende agricole» del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020.

Sono soggetti beneficiari ai sensi dei presenti criteri:

  • le imprese singole o associate, con partita Iva agricola iscritte alla Camera di Commercio, Industria, Agricoltura ed Artigianato fin dalla data di presentazione della domanda;
  • le società tra imprese agricole singole e le reti di imprese agricole, iscritti alla CCIAA. Il numero delle imprese associate deve essere almeno pari a due.

Sono ammissibili gli investimenti realizzati in provincia di Trento. Sono ammissibili le iniziative avviate e le spese sostenute successivamente alla presentazione della relativa domanda di agevolazione.

Sono considerati ammissibili i seguenti investimenti aziendali:

Settore zootecnico (sono previsti investimenti per tutti gli allevamenti zootecnici escluso allevamenti di fauna venatoria o selvatica, allevamenti ornitologici da arredo e/o compagnia)

  • costruzione di nuove strutture per l’allevamento comprese le strutture di servizio e i relativi impianti e attrezzature fisse. E’ ammessa al finanziamento la realizzazione di concimaie e vasche per la raccolta delle deiezioni solo se coperte;
  • miglioramento di strutture per l’allevamento comprese le strutture di servizio e i relativi impianti e attrezzature fisse, comprese le malghe;
  • acquisto di strutture per l’allevamento, per la manipolazione, trasformazione, conservazione, e commercializzazione dei prodotti agricoli aziendali, nel limite del 15% della spesa totale ammissibile dell’intervento. L’acquisto deve comportare risparmio del suolo agricolo con riflessi positivi a livello ambientale e collegato ad una trasformazione sostanziale finalizzata a migliorare la struttura;
  • costruzione e miglioramento di strutture per la manipolazione, trasformazione, conservazione, commercializzazione dei prodotti agricoli aziendali ed i relativi impianti e attrezzature fisse con le seguenti limitazioni:
    • possono beneficiare le aziende che operano in tutti gli ambiti della filiera di produzione, di trasformazione e di commercializzazione;
    • la spesa ammessa a finanziamento deve essere inferiore/uguale a 300.000 euro;
    • non sono ammissibili le spese per la realizzazione di nuove strutture per la conservazione e trasformazione di latte vaccino ricadenti nelle zone servite da impianti di carattere consorziale o dove sia accertata la sussistenza di iniziative a carattere associativo di concreta realizzazione. Si deroga per le aziende biologiche, o per quelle agrituristiche, o per quelle aziende ove la struttura cooperativa più vicina dichiara la non disponibilità ad acquisire il prodotto. Nel caso di aziende iscritte nell’elenco degli idonei allo svolgimento dell’attività agrituristica ma che non svolgono ancora attività agrituristica, si subordinerà la liquidazione finale, all’accertamento dello svolgimento di detta attività.

Settore vegetale

Sono previsti investimenti per tutte le colture agrarie escluso il bamboo.

Sono ammissibili le iniziative relative a:

  • strutture di copertura;
  • strutture a servizio della produzione;
  • costruzione e miglioramento di strutture per la manipolazione, trasformazione, conservazione, commercializzazione dei prodotti agricoli aziendali;
  • acquisto di strutture per la produzione e per la manipolazione, trasformazione, conservazione, commercializzazione dei prodotti agricoli aziendali.

Settore zootecnico e settore vegetale

  • sistemazione di terreni agricoli;
  • viabilità aziendale, elettrificazione poderale e rete fognaria:
  • approvvigionamento di fonti rinnovabili per le esigenze aziendali.

Sono ammissibili le spese generali collegate ai costi eleggibili nel limite massimo del 12% delle altre spese ammissibili.

La spesa minima ammissibile è di 15.000 euro a domanda, quella massima

ammissibile è di 1.000.000 euro per l’intero periodo di programmazione.

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo in conto capitale pari a:

  • costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili, inclusi impianti fissi: 40% delle spese ammesse;
  • acquisto a nuovo di macchinari ed attrezzature: 30% delle spese ammesse.

Sono possibili le seguenti maggiorazioni, tra loro cumulabili entro un massimo di maggiorazione complessiva del +20%:

  • +10% per i giovani agricoltori, che non abbiano ancora compiuto i 40 anni alla data di presentazione della domanda di contributo, beneficiari del premio di insediamento durante i 5 anni precedenti alla data di presentazione della domanda. Ai fini della formazione della graduatoria dell’operazione 4.1.1 è sufficiente l’inserimento nella graduatoria dell’operazione 6.1.1 in posizione finanziabile;
  • +10% per investimenti collettivi sostenuti da consorzi e reti d’impresa;
  • +10% per interventi sovvenzionati nell’ambito dei partenariati europei per l’innovazione – PEI.

Le risorse ammontano a 747.746,93 euro.

Le domande di contributo devono essere presentate online entro il 30 novembre 2021.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati