Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

COVID19: contributi per famiglie in difficoltà con il pagamento dell'affitto

Il Comune di Milano, in collaborazione con l’Agenzia Sociale per la Locazione - Milano Abitare, intende sostenere, tramite l’erogazione di un contributo a copertura di canoni di affitto, i nuclei familiari residenti a Milano in un’abitazione in locazione che si trovino in una situazione di disagio economico o in condizioni di vulnerabilitàCostituisce criterio preferenziale essere in condizioni di disagio riconducibili alla crisi sanitaria COVID–19.

Potranno presentare richiesta i cittadini residenti nel Comune di Milano, titolari di un regolare contratto di locazione sul libero mercato a canone ordinario o a canone concordato o in alloggi in godimento o in alloggi definiti Servizi Abitativi Sociali. I richiedenti devono essere in possesso di:

  • cittadinanza italiana o di uno stato facente parte dell’Unione Europea;
  • cittadinanza di un altro stato (per i cittadini extra UE) in regola e permesso di soggiorno valido che ne attesti la permanenza e l’idoneità a conferma dello scopo e delle condizioni del soggiorno. Se il documento di soggiorno è scaduto, è ammesso il possesso della ricevuta della richiesta di rinnovo. 

Il richiedente deve essere titolare di contratto di locazione registrato e in vigore, relativo ad unità immobiliare ad uso residenziale, sita nel Comune di Milano e occupata a titolo di residenza esclusiva o principale da parte del dichiarante e del suo nucleo familiare.

Sono esclusi i titolari di contratti di locazione per Servizi Abitativi Pubblici (Sap), ex ERP.

Non possono presentare richiesta i titolari di contratto di locazione o godimento con patto di futura vendita.

I richiedenti dovranno, inoltre, possedere i seguenti requisiti:

  • non essere sottoposti a procedure di rilascio dell’abitazione;
  • non essere proprietari di un alloggio adeguato nel Comune di Milano o in altro comune della Regione Lombardia;
  • avere un ISEE inferiore o uguale a 26.000 euro;
  • essere residenti in un alloggio in locazione da almeno un anno alla data del 30 marzo 2020.

Possono presentare richiesta anche i cittadini beneficiari del Reddito di Cittadinanza.
Il contributo è compatibile con il reddito o la pensione di cittadinanza e altre misure simili di sostegno al reddito già in essere o che potrebbero intervenire in seguito.

Non possono presentare richiesta coloro che hanno ricevuto, nel corso del 2020, un contributo per il sostegno al pagamento dell’affitto per inquilini con reddito da pensione o un contributo, destinato ai proprietari del proprio alloggio, per la sistemazione e messa a disposizione di alloggi sfitti. 

Il contributo sarà erogato direttamente al proprietario dell’alloggio a copertura dei canoni di locazione non versati o da versare dal richiedente.

Il contributo viene erogato al proprietario dell’alloggio fino al valore pari a 4 mensilità del canone di locazione come risultante dal contratto di locazione e comunque non oltre 1.500 euro ad alloggio/contratto ed è finalizzato a coprire il costo dei soli canoni di locazione non versati o da versare.

Sono stanziati 2.456.000 euro che saranno aumentati sulla base della disponibilità di risorse aggiuntive.

Può essere presentata una sola domanda per nucleo famigliare.

La domanda dovrà essere inviata online entro le 12.00 del 20 maggio 2020. 

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati