Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Finanziamenti e contributi per sviluppo commercio elettronico PMI in Paesi esteri (e-commerce - nuovo Fondo 394/81)

SIMEST
Tag
Keywords
Link Fonte
Sito web
Stato Bando
Ente Emanatore
Settori Economici
Microsettori
Destinatari

Ai fini dell’ammissibilità all’intervento l’impresa richiedente:

  • dev’essere una piccola o media impresa con sede legale in Italia che, al momento della Domanda, abbia la forma di società di capitali da almeno due esercizi (anche “Rete Soggetto”);
  • deve aver depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi (si considera completo un esercizio di 12 mesi interi, indipendentemente dalla data di costituzione o di inizio attività della società stessa). I bilanci devono riguardare lo stesso soggetto richiedente (identificato dal codice fiscale);
  • deve avere un fatturato (voce A1 del conto economico) rappresentato - per una quota almeno pari al 50% - dalla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera, oppure commercializzare - per una quota almeno pari al 50% - prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

Sono escluse dall’Intervento le imprese attive in via prevalente nei settori della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli. In particolare delle seguenti attività:

  • Sezione A - Agricoltura, Silvicoltura e Pesca tutte le attività
  • Sezione C – Attività manifatturiere - esclusivamente le attività di cui alle seguenti classi:
    • 10.11 – Produzione di carne non di volatili e dei prodotti della macellazione (attività dei mattatoi)
    • 10.12 – Produzione di carne di volatili e dei prodotti della macellazione (attività dei mattatoi).

Sono altresì escluse le imprese attive nel settore bancario e finanziario.

Dimensione impresa
Piccola, Media
Ambito territoriale
Iniziative
Internazionalizzazione
Investimenti
Interventi messa in sicurezza, Hardware, Software, Consulenze, E-commerce, Promozione ed Internazionalizzazione, Pubblicità, Altre azioni di promozione (e-commerce), Altre azioni di internazionalizzazione, Formazione e/o riqualificazione personale, Altro
Interventi ammissibili e spese agevolabili

Lo strumento mira a rafforzare la competitività internazionale delle imprese sostenendo lo sviluppo dell’e-commerce.

È finanziato:

  • la creazione di una nuova Piattaforma propria, realizzata da un soggetto/fornitore in possesso del requisito di professionalità;

oppure

  • il miglioramento di una Piattaforma propria già esistente;

oppure

  • l’accesso ad un nuovo spazio o store di una Piattaforma di terzi per la commercializzazione in paesi esteri di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

La Piattaforma propria deve essere realizzata da un soggetto/fornitore in possesso del requisito di “professionalità”, ossia essere attivo da almeno due anni e aver realizzato almeno due piattaforme nei due anni precedenti la richiesta di Finanziamento e Cofinanziamento. 

Non sono ammissibili Piattaforme Proprie che si configurano esclusivamente come market place o che prevedano la commercializzazione direttamente da parte di soggetti terzi.

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

  • Creazione e sviluppo di una Piattaforma propria oppure dell’utilizzo di un market place
    • creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma
    • componenti hardware e software
    • estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP, CRM, AI e realtà aumentata)
    • creazione e configurazione app
    • spese di avvio dell’utilizzo di un market place.
  • Investimenti per la Piattaforma propria oppure per il market place
    • spese di hosting del dominio della piattaforma
    • fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place
    • spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma
    • aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche
    • spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma
    • spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione
    • consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma
    • registrazione, omologazione e tutela del marchio
    • spese per certificazioni internazionali di prodotto.
  • Spese promozionali e formazione relative al progetto
    • spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place
    • spese per web marketing
    • spese per comunicazione
    • o formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

Ai fini dell’ammissibilità delle spese è necessaria la presenza di almeno una tra le spese inerenti la voce “Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un market place”.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’esito della domanda.

Tipo di contributo
Contributo a fondo perduto, Finanziamento a tasso agevolato
Modalità erogazione contributo

L’importo massimo richiedibile è pari al minore tra 300.000 euro e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’Impresa Richiedente, con i seguenti ulteriori limiti:

  • 10.000 euro quale importo minimo per Piattaforma propria o Piattaforma di terzi;
  • Importo massimo:
    • per piattaforma propria, il minore tra 300.000 euro e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati;
    • per piattaforma di terzi, il minore tra euro 200.000 euro e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

L’esposizione complessiva dell’Impresa Richiedente verso il Fondo non dovrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci e approvati e depositati.

La durata complessiva del finanziamento è di 4 anni (1 anno di preammortamento e 3 anni di rimborso in 6 rate semestrali posticipate a capitale costante), con un tasso d’interesse agevolato pari al 10% del Tasso di Riferimento UE per tutta la durata del finanziamento. L’impresa può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie per la quota di finanziamento, concessa solo in caso di capienza all'interno del plafond de minimis.

L’impresa può chiedere una quota di cofinanziamento a fondo perduto:

  • fino al 40% dell’importo massimo dell’Intervento, se ha almeno una sede operativa attiva da almeno 6 mesi rispetto alla data di presentazione della Domanda, in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
  • fino al 25% dell’importo massimo dell’Intervento, se ha la propria sede operativa in una regione diversa da quelle indicate al punto precedente.

Il finanziamento a tasso agevolato è concesso in regime “de minimis”, mentre il co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework”

Cumulabilità
Modalità di partecipazione

Il Richiedente può effettuare una sola richiesta di finanziamento a SIMEST.

Dalle 9.00 del 21 ottobre 2021 alle 13.00 del 27 ottobre 2021 le imprese interessate potranno pre-caricare il modulo di domanda firmato digitalmente.

Il 28 ottobre 2021 alle 09.30 si aprirà il Portale operativo per la ricezione delle domande di finanziamento: il termine per la presentazione delle istanze è stato prorogato fino alle ore 18:00 del 31 maggio 2022, salva un'eventuale chiusura anticipata per esaurimento delle risorse, con delibera del 25 novembre 2021 del Comitato Agevolazioni.

Provvedimento
Num. del
Fonte
Approfondimenti
News collegate
Allegati
   Allegati Operativi

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati