Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Finanziamenti e contributi transizione digitale e ecologica PMI con vocazione internazionale (nuovo Fondo 394/81)

SIMEST
Tag
Keywords
Link Fonte
Sito web
Stato Bando
Ente Emanatore
Settori Economici
Microsettori
Destinatari

Beneficiarie della misura sono piccole e medie imprese con sede legale in Italia, che, al momento della domanda, abbiano la forma di società di capitali da almeno due esercizi e abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

L'impresa deve avere un fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

Sono escluse dall’intervento le imprese attive in via prevalente nei settori della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli. In particolare delle seguenti attività:

  • SEZIONE A - Agricoltura, Silvicoltura e Pesca tutte le attività
  • SEZIONE C – Attività manifatturiere - esclusivamente le attività di cui alle seguenti classi: 
    • 10.11 – Produzione di carne non di volatili e dei prodotti della macellazione (attività dei mattatoi)
    • 10.12 – Produzione di carne di volatili e dei prodotti della macellazione (attività dei mattatoi)

Sono altresì escluse le imprese attive nel settore bancario e finanziario.

Dimensione impresa
Piccola, Media
Ambito territoriale
Iniziative
Internazionalizzazione
Investimenti
Acquisto Attrezzature, Impianti, Macchinari, Hardware, Investimenti produttivi immateriali, Certificazioni Aziendali, Software, Siti internet, Consulenze, Promozione ed Internazionalizzazione, Altre azioni di internazionalizzazione, Ambiente e Risparmio energetico
Interventi ammissibili e spese agevolabili

Lo strumento mira a rafforzare la competitività internazionale delle imprese sostenendone la transizione digitale ed ecologica e promuovendone la competitività sui mercati esteri.

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

  • Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle spese ammissibili finanziate:
    • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
    • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
    • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
    • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager)
    • disaster recovery e business continuity
    • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)
    • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).
  • Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle spese ammissibili finanziate:
    • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc.)
    • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc.)
    • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda, contenente l’indicazione del CUP assegnato, ed entro 24 mesi dalla Data di Stipula.

Tipo di contributo
Contributo a fondo perduto, Finanziamento a tasso agevolato
Modalità erogazione contributo

Lo strumento prevede un finanziamento a tasso agevolato, per tutta la durata del finanziamento, pari al 10% del tasso di riferimento UE, in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework".

Nel dettaglio: 

  • importo massimo del finanziamento: il minore tra 300.000 euro e il 25% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati;
  • quota massima a fondo perdutofino al 40% per le PMI del Sud (imprese con almeno una sede operativa attiva da almeno 6 mesi, in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia), fino al 25% dell’importo massimo dell’intervento per le restanti PMI

La durata del finanziamento è di 6 anni a decorrere dalla data di Stipula del Contratto, di cui:

  • Periodo di Preammortamento: 2 anni 
  • Periodo di Rimborso: 4 anni. Il rimborso avviene in 8 rate semestrali posticipate a capitale costante, a partire dal termine del periodo di preammortamento.

L’Impresa Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie per la quota di Finanziamento.

Cumulabilità
Modalità di partecipazione

Dalle 9:00 del 21 ottobre 2021 e fino alle 13:00 del 27 ottobre le imprese interessate potranno pre-compilare la richiesta fino al caricamento del modulo di domanda firmato digitalmente. 

Il 28 ottobre 2021 alle 09.30 si aprirà il Portale operativo per la ricezione delle domande di finanziamento: il termine per la presentazione delle istanze è stato prorogato fino alle ore 18:00 del 31 maggio 2022, salva un'eventuale chiusura anticipata per esaurimento delle risorse, con delibera del 25 novembre 2021 del Comitato Agevolazioni.

L’impresa Richiedente può presentare una sola domanda di finanziamento.

Provvedimento
Num. del
Fonte
Approfondimenti
News collegate
Allegati
   Allegati Operativi

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2021 - Tutti i diritti riservati