Archivio

T

5 mosse fiscali per agevolare imprese nella quotazione

Le notizie su grandi imprese italiane che decidono di abbandonare la Borsa del Paese sono divenute molto frequenti. L’introduzione di misure di natura tributaria per favorire l’accesso e la permanenza su mercati regolamentati o Multilateral trading facilities (Mtf) non è certamente una novità ed è stata anche oggetto di pronunce da parte della Corte costituzionale, della Corte di giustizia e della Commissione europea (relativamente alla compatibilità con la disciplina sugli aiuti di Stato).

Nella L. Sabatini l’investimento va avviato dopo la domanda

«Sabatini: attenzione alla data di inizio dell’investimento e all’invio della dichiarazione di ultimazione». Il richiamo arriva nelle Pec che il ministero dello Sviluppo economico invia alle imprese al momento dell’accettazione delle domande presentate. Nessun problema invece se l’investimento ammissibile, effettivamente sostenuto, risulta inferiore al finanziamento richiesto.

Aiuti di Stato: in arrivo sostegno ripresa sostenibile

In arrivo sovvenzioni, prestiti agevolati, garanzie, investimenti azionari e obbligazioni per investimenti volti ad accelerare le transizioni verde e digitale.

Tax credit librerie: domande dal 15 settembre 2022

Credito d'imposta fino a 20.000 euro per attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati.

Mix di aiuti per la crisi ucraina

Sovvenzioni dirette; anticipi rimborsabili; agevolazioni fiscali; azzeramento o riduzione sia dei contributi previdenziali e assistenziali sia dei debiti nei confronti della pubblica amministrazione, fino ad un massimo di 500 mila euro per impresa.

Rinunce ai crediti dei soci per allargare la base Ace

Per far fronte alla sottocapitalizzazione delle società italiane – aggravata anche dalle perdite causate dalla pandemia – una delle soluzioni più immediate è quella della rinuncia da parte dei soci ai crediti per finanziamenti già erogati alla società per sopperire alle necessità finanziarie di quest’ultima.

Superbonus & co., il piatto dei fondi piange

Ammonta a 20,31 miliardi di euro (di cui 18,51 miliardi, ossia 13,95 provenienti dal Pnrr e 4,56 dal fondo complementare, solo per rifinanziare il superbonus) l'importo complessivo delle risorse destinate dal Pnrr alle misure per l'efficienza energetica e la sicurezza degli edifici. Ma è concreto il rischio che i fondi stanziati non siano sufficienti per soddisfare le domande dei richiedenti in mancanza di un ulteriore rifinanziamento.

Bonus edilizi: cessione dei crediti e sconto in fattura

L’Agenzia delle Entrate, dopo le indicazioni fornite dalla Circ. n. 23/E sui controlli che gli acquirenti dei crediti relativi ai bonus edilizi devono effettuare al fine di evitare di essere chiamati a rispondere quali soggetti responsabili in solido, ha messo in “pista” un vero e proprio piano di azione preventivo per scongiurare il rischio di possibili frodi.

Aiuti di Stato, nei gruppi dichiarano le singole società

La proroga dell’invio del modello al 30 novembre fornisce più tempo agli operatori per verificare e gestire gli aiuti di Stato usati nel periodo dell’emergenza. Nel caso dei gruppi, il maggior tempo dovrebbe essere sfruttato per fare un’analisi di tutti gli aiuti ricevuti dalle singole imprese, differenziando quelli rientranti nel cosiddetto regime “ombrello”. Le agevolazioni coinvolte...

Bonus facciate: omessa indicazione sconto

Con la risposta a interpello n.385 del 20.7.2021, l’agenzia delle entrate ha fornito importanti chiarimenti sulle conseguenze derivanti dalla mancata evidenza dello sconto sul corrispettivo ex art. 121 co. 1 lett. a) del DL 34/2020 nelle fatture emesse dal prestatore per interventi afferenti il c.d. bonus facciate. Breve quadro della normativa in tema di bonus facciate L'articolo 1, commi da 219 a 223, della legge 27 dicembre 2019, n.

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2022 - Tutti i diritti riservati